Tv&Gossip

Nauru, la «prigione» dei rifugiati colpiti dalla sindrome da rassegnazione

by Vanityfair.it RSS

Nauru, la «prigione» dei rifugiati colpiti dalla sindrome da rassegnazione

Mia moglie soffre di depressione profonda. Oggi è il ventiquattresimo giorno in cui non mangia, non dorme, non riesce a bere, né a uscire dal letto. Resta stesa tutto il tempo. Ho provato a essere forte e sano per sostenere la mia famiglia, mia moglie e me stesso. Ma al momento sono troppo, troppo stanco.  La mia vita è come una barca con un grande buco al centro, e la vedo andare giù e sprofondare nell’oceano». Kazem (il nome è di fantasia) è un rifugiato iraniano bloccato a Nauru da cinque anni e tre mesi. Top stories Aveva lasciato l’Iran dopo essersi convertito dall’Islam al Cristianesimo, e nel suo Paese chi lo fa rischia la tortura e la prigione, e può arrivare anche a morire. Nauru è una piccola isola del Pacifico, diventata «prigione» per centinaia di rifugiati: le politiche migratorie australiane...

X
Ricercalo.it è su Facebook, ci aiuti a crescere?