Tv&Gossip

10 cose che nessuno (o quasi) sa sui Puffi

by Vanityfair.it RSS

10 cose che nessuno (o quasi) sa sui Puffi

Chi siano non lo so gli strani ometti blu, son alti su per giù due mele o poco più ” – impossibile, almeno per la generazione cresciuta negli anni Ottanta, non ritrovarsi a canticchiare, facendo eco a Cristina D’Avena, la sigla di uno dei cartoni animati più amati di sempre. Protagonisti assoluti, gli irresistibili Puffi che quest’anno arrivano a spegnere ben 60 candeline e a cui proprio per questo il Museo del Fumetto, dell’Illustrazione e dell’Immagine animata di Milano dedica una mostra-omaggio. Era infatti il 1958 quando il papà dei Puffi, il fumettista belga Pierre Culliford , in arte Peyo, decise di affidare loro il ruolo di personaggi secondari all’interno delle vicende di John e Solfamì su Spirou, probabilmente senza sospettare quello che sarebbe successo di lì a poco. LEGGI ANCHE Come si entra (davvero) nel...

X
Ricercalo.it è su Facebook, ci aiuti a crescere?